CITTADINANZA ITALIANA PER RESIDENZA

(art. 9 della Legge n. 91/ 1992)

Quel ramo del lago di como-italia, Italia

Per poter richiedere la cittadinanza italiana per residenza sono necessari i seguenti requisiti:

1) Residenza legale in Italia:

  • 10 anni per gli stranieri non comunitari;
  • 5 anni successivi all’adozione per lo straniero maggiorenne adottato da un cittadino italiano, per gli apolidi, per i rifugiati politici e per i figli maggiorenni di genitore naturalizzato italiano;
  • 5 anni di servizio, anche all’estero, per lo stato italiano (in questo caso non è previsto il requisito della residenza);
  • 4 anni per i cittadini dell’UE;
  • 3 anni per i discendenti di cittadini italiani iure sanguinis (fino al secondo grado – nonni) e per coloro che sono nati in Italia.

2) Prova di reddito: reddito personale o familiare (CUD, UNICO o 730) degli ultimi 3 anni precedenti alla domanda di acquisto della cittadinanza italiana. L’importo minimo per ogni anno nel 2015 è di:

  • € 8.263,31 se il richiedente non ha familiari a carico;
  • € 11.362,05 se il richiedente ha un coniuge a carico – tale valore è aumentato di € 516,00 per ogni ulteriore persona a carico.

La valutazione della domanda è fatta dal Ministero dell’Interno che analizzerà caso per caso.

3) Non avere rilevanti precedenti penali.

 

DOCUMENTI NECESSARI

  1. Documento di identità in corso di validità;
  2. Estratto dell’atto di nascita, originale, completo di tutte le generalità, tradotto e legalizzato (valido per 90 giorni dalla data di rilascio);
  3. Certificato Storico di Residenza;
  4. Certificato di Stato di Famiglia;
  5. Certificato penale del Paese di origine, tradotto e legalizzato (valido per 90 giorni dalla data di rilascio);
  6. Certificato penale del paese di origine e degli eventuali Paesi terzi di residenza, legalizzato e munito di traduzione legalizzata (valido per 90 giorni dalla data di emissione);
  7. Copia del permesso/carta di soggiorno;
  8. Prova di reddito per gli ultimi 3 anni (CUD, UNICO, 730), per coloro che sono familiari a carico in un nucleo familiare (il nucleo familiare stesso deve essere provato dallo Stato di Famiglia);
  9. Ricevuta del pagamento del contributo di € 200,00;
  10. Marca da bollo da € 16.

Tutte le domande di cittadinanza per residenza vengono inviate al Ministero dell’Interno Italiano a Roma ed il procedimento dura in media 2 anni.

La cittadinanza per tempo di residenza è una concessione e non un diritto, quindi lo Stato Italiano può eventualmente negarla nel quale non siano soddisfatti i suddetti requisiti.

Dopo la notifica della concessione della cittadinanza, il richiedente avrà 6 mesi di tempo per fare il giuramento.

Vale ricordare che il cittadino brasiliano che diventa cittadino italiano naturalizzato non perde la cittadinanza brasiliana.

 

Lo Studio Cavalcanti de Albuquerque rimane a disposizione per chiarire eventuali dubbi.

Richiedi un preventivo.